Comunicati Stampa

I Mkers e gli Exeed sono i campioni italiani del PG Nats di Rainbow Six Siege e dell’Italian Rocket Championship

G Esports ha regalato agli appassionati una giornata scoppiettante, mettendo in scena uno spettacolo senza precedenti dedicato a tutti i fan del gaming competitivo più emozionante. Rainbow Six Siege e Rocket League festeggiano i nuovi campioni italiani.

Milano19 luglio 2022 – Quella appena trascorsa è stata una domenica di esport all’ennesima potenza, che ha visto protagonisti alcuni dei migliori team del panorama competitivo nazionale, con due squadre che si sono messe in particolare evidenza. I Mkers, infatti, hanno trionfato nel PG Nationals di Rainbow Six Siege, mentre gli Exeed si sono portati a casa la coppa dell’Italian Rocket Championship sponsored by Air Action Vigorsol. Si può proprio dire che, anche questa volta, i fan abbiano avuto pane per i loro denti, tra scontri all’ultima kill, tattiche di squadra studiate al millimetro, acrobazie e gol d’autore.

A mettersi particolarmente in mostra sullo sparatutto tattico di casa Ubisoft, è stato l’MVP della competizione Lollo, che ha trascinato i suoi Mkers fino alla tanto agognata finale contro i Macko, finita con un secco 3 -1. Non si può certo dire si sia trattata di una sfida senza colpi di scena, tra giocate di altissimo livello e un risultato davvero in bilico fino all’ultimo, espressione di uno scontro come se ne vedono pochi nel panorama competitivo italiano e non solo. Di certo, non sono stati da meno i match dei playoff che hanno visto impegnati i migliori giocatori di Rocket League, dai quali sono scaturiti i due, agguerritissimi, team finalisti. A dare spettacolo nella sfida clou del torneo sono stati i NoFear Gaming e gli Exeed, che si sono dati battaglia tra una sportellata e l’altra per il titolo nazionale. A spuntarla sono stati proprio gli Exeed, che sono riusciti a imporsi sugli avversari per 4 a 2 dopo aver dato vita a una finale davvero degna di questo nome, anche grazie a un pubblico appassionato e carico come non mai, che ha fatto sentire da casa tutto il calore di cui avevano bisogno ai player coinvolti. Tra i giocatori, quelli che sono riusciti spiccare di più sono stati Sorius, degli Exeed, e Davoof, dei NoFear Gaming, eletti a furor di popolo come migliori player delle finali, mentre a livello di team, la vera sorpresa sono stati i Webidoo Gaming. Alla loro prima partecipazione, infatti, sono riusciti ad arrivare a un passo dalla finale, perdendo l’ultima fase del Winner Bracket per 2 a 3, sfiorando di un soffio il sogno di competere fino in fondo per il titolo nazionale.

Anche questa volta PG Esports ha alzato l’asticella dello spettacolo, sia in termini di produzione che di show, portando agli appassionati italiani una sintesi del meglio che la scena competitiva ha da offrire, con ben due main event in un solo giorno. Tutto ciò anche grazie a partner dell’importanza di Air Action Vigorsol e Intel, rispettivamente Presenting Partner e Main Sponsor dell’Italian Rocket Championship, e di Predator Gaming, Main Sponsor del PG Nationals di Rainbow Six Siege. Attraverso la collaborazione con aziende di questo calibro, infatti, PG Esports è in grado di organizzare tornei coinvolgenti e sempre più di successo, ponendosi come punto di riferimento nel settore del gaming competitivo a livello nazionale.